domenica 1 maggio 2016

Daredevil 1: Giustizia Cieca

Veramente molto buone le storie di questo volume cartonato dedicato a… Daredevil (che giustamente all’interno del fumetto è sempre chiamato Devil come lo conosciamo in Italia). Da quello che leggo nell’introduzione, Matt Murdock è tornato ad operare a New York nelle doppie vesti di avvocato e supereroe dopo un periodo di riflessione on the road a seguito di eventi drammatici e imbarazzanti per la sua reputazione.
Mark Waid scrive con piglio scanzonato e divertito producendo dei bellissimi dialoghi ed è incredibile come riesca a far funzionare il mix di realismo giudiziario e di scazzottate con alcuni tra i villain più ridicoli che abbia mai visto (un tizio fatto di… teletrasporto, un tizio fatto di onde sonore e una specie di wrestler mutante). I personaggi principali sono tutti interessanti e ben delineati.
Ai disegni Paolo Rivera fa un ottimo lavoro, ostentate citazioni kirbyane a parte: non è un disegnatore spettacolare come possono esserlo Van Sciver o Pasarin o Bryan Hitch ma non sbaglia un’inquadratura ed è molto elegante nella sua sintesi, oltre a essersi inventato delle soluzioni perfette per rendere la particolare percezione che il protagonista cieco ha del mondo. Poco importa che spesso i suoi personaggi siano degli armadi con una testolina in cima: dopotutto sono supereroi anche quando vestono in borghese. Peccato che i colori non siano allo stesso livello dei disegni e soprattutto che la qualità di stampa sia zoppicante (anzi, decisamente pessima soprattutto nel primo episodio presentato).
Marcos Martin che ha disegnato metà degli episodi del volume è a un livello nettamente inferiore rispetto a quello di Rivera: molta meno fantasia, poca attenzione alle anatomie e nasi impossibili. Si è visto di peggio nel mercato statunitense, ma anche tanto di meglio.
Nel complesso questo Daredevil è stato un’ottima lettura, spero che pubblichino il seguito quanto prima.

5 commenti:

  1. Non ci crederai ,ma il bimbo che fui aveva detto come DD filtrasse il mondo già nei fifities , analizzando poche vignette di Wally Wood con i semicerchi degli ipersensi che andavano da Cornetto verso gli oggetti sui quali rimbalzavano. Mai stato una cima, ma avevo comunque realizzato che le sagome blur di Colan/Palmer colorate di viola ( saga di El Condor per es ) decenni prima di purple rain non erano la strada giusta. Clap your hands everybody for Mark The Nerd Waid che ha meditato sulla cosa e che si è anche sintonizzato con Paolo e Marcos xchè DD avesse il linguaggio del corpo di un fighter che non usa gli occhi.
    Il DD di Ron Garney - da quello che è rimasto impigliato in rete - tenta una altra via x raccontare il mondo come appare al senso radar di Scavezzacollo, ma mi pare di capire che i toni siano cupi come nella fiction di Netfix o nei fumetti da Miller a Bendis.
    Io ho proposto alla Dizmarva qualche tempo fa un serial con segno alla Serge Clerc e DD che canta Puttin' on The Ritz mentre danza leggero sui tetti combattendo minacce come il Matador o la Rana, ma mi è stato detto esattamente cosa potevo farci con la mia idea di un racketeer chiamato Don De Carlo e le sue Marvellous Magnificent Models. Cattivi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, credo intendessi nei Sixties, caro Crepascolo.

      Elimina
  2. Nei sixties Wally, ma io ho letto le sue cose negli albi Corno nel corso del decennio successivo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quindi volevi scrivere nei Seventies, non nei Fifties... Crepascolo, vuoi farmi uscire matto!

      Elimina
  3. Ops. Devo cominciare a rileggere quanto scrivo. Ho sempre evitato di farlo perchè raramente i miei deliri mi sono sembrati accettabili quando mi è capitato di inciamparci. Sorry.

    RispondiElimina