martedì 28 agosto 2018

I tesori più preziosi si possono trovare nei posti più impensabili

Come Monfalcomics.

26 commenti:

  1. Condivido. Ero in luna di miele nel New England qualche ora dopo il crepuscolo quando mi sono imbattuto in un ristorantino chiuso con un mobiletto per il book crossing con un paio di Tarzan della Malibu Comics disegnati credo da Marc Hempel. Non avevo fumetti con cui scambiare gli albi. Ho fatto finta non fosse importante, ma ogni ann o da allora prendo una scusa , esco per la comune e torno là a cercare quei comics. L'anno scorso ho sfogliato un paio di Archie Comics sbiaditi dalle intemperie. Dei Tarzan nessuna traccia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 'Nuff said! (pron: "naf sed")

      Elimina
    2. I recently found, in a little bistro in Greater San Diego, (CA) a nice run of the Menomonee Falls Gazette from the 1970's.
      They used it as toilet paper, go figure.
      I managed to strike a decent bargain with Andie, the manager of the bistro, and gave them a crateload of Zerocalcare comics, much appreciated in the washroom (they seem to like the consistency of the paper tissue).
      You know how it is: "You read'em, you use'em".

      Sorry, no grammar check on this. I relied on Aldo Biscardi's Automatic Translation Tool (A.B.A.T.T., nice name for a Cobra vehicle).




      Elimina
    3. Vedi Luca che bisogna andare a Monfalcone?
      Oggi sul Tirreno ho letto: "Comics: affitti aumentati del 150% nei giorni della manifestazione".

      Elimina
  2. Don Kamillo Kromo agent 610 ( non ci crederete, ma esistono persone che non vogliono il loro numero di telefono contenga le cifre consecutive 610 ndr )si perde nella bisca di Biscardi è il prossimo progetto del mio amico ed ex allievo Dave Barzi. Disegni di Prenzy. Covers di Frank Espinosa. Spillato in b/n formato comic book. Non vedo l'ora di leggerlo.

    RispondiElimina
  3. Don Kamillo Kromo è un esponente della parte peggiore del clero, uno di quei viscidi rettili che coprono malefatte e responsabilità dei preti in puro stile mafioso.
    A tal proposito Frank Espinosa (Robert Loggia)... non era il capo di Al Pacino in "Scarface"?
    Quanto a "Prenzy", non voglio neanche commentare.
    Non amo Hitchcock.

    RispondiElimina
  4. Frenzy non è piaciuto nemmeno a me, ma plaudo il tentativo di Hitch di provare qualcosa di diverso. Bob Loggia è il modello per un Logan panciuto e stempiato che vive con una Jean Grey sfiorita in un disegno di Alex Ross. Mi sembra di ricordare un disegno simile ad opera di Sicomoro o Liberatore o qualcuno con segno simile con Diabolik ed Eva in età Sandra-Raimondo a corollario di una intervista ad una Giussani in un numero della effimera rivista Torpedo.
    Bob Loggia , se qualcuno lo avesse chiesto a me , sarebbe stato il gemello cattivo - forse solo un parto della sua mente , forse qualcosa in modalità Bob Stevenson - di Peter Falk /Columbo ( per voi italiani Colombo ndr ). Loggia come homunculus scaltro. Come il Gorilla di Dazieri , ma sotto acido.

    RispondiElimina
  5. vedo i vostri proiettili, ma non capisco contro chi siano diretti. J_D, ti sta sui coglioni il povro Zerocalcare? Di cui peraltro la pagina mi dà errore 404 da un bel po'.

    Commovente la citazione del Kamillo Kromo altaniano di Crepascolo, comunque.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, no, non lo doio, ci mancherebbe... è solo che una buona carta igienica è meglio che sia Zerocalcare... sennò si torna all'abravisimo della vergatina rosa degli anni '70 (che mi rammarico di non averne conservato almeno un rotolo, oggi nessuno crede più che sia effettivamente esistita).
      E Rì! E Rà!, come direbbe il Cetriolo Mascherato.

      Elimina
    2. Doio = odio.
      E' colpa della tastiera.
      E' posseduta dallo spirito di un'amadriade cinocefala mesopotamica millenaria chiamata Zuul. Ieri volevo scrivere un curriculum e digitando le mie esperienze è venuta fuori la frase "SEI-TU-UN-DIO?".
      Istintivamente ho risposto "no", e il laptop si è richiuso di scatto schiacciandomi 14 dita!

      Elimina
    3. Ma non lo cambio perché ci ho archiviato tuuutte le mie lettere d'amore a Nonna Abelarda e Ms. Tree.

      Elimina
    4. Quante belle citazioni fantasy/giocoruolesche in un solo commento! Che te ne farai di un curriculum, poi.
      Confesso che mi sfugge chi sia Ms. Tree.

      Elimina
    5. Niente, una detective dalle lunghe gambe e dai modi hard boiled, pubblicata negli anni 80 dalla Eclipse:

      https://en.wikipedia.org/wiki/Ms._Tree
      https://en.wikipedia.org/wiki/Ms._Tree

      Elimina
    6. Il doppio link è colpa della tastiera.

      Elimina
    7. Ah, OK. Può essere che a suo tempo sul Fumo di China edito da Alessandro ne scrivessero in termini entusiastici o mi confondo con un'altra serie?

      Elimina
    8. Sì certo. All'epoca le segnalazioni di Lupoi e qualche altra fanzine erano l'unico modo per sapere qualcosa dei comics, poi si poteva fare l'ordinazione da Alessandro o alla Borsa (del fumetto) di Milano. Niente, rete, niente Ebay!

      Elimina
    9. Ma, se non ricordo male, anche tanti soldi in più rispetto a quello che si paga oggi facendo ordini online.

      Elimina
    10. Sì, non ho mica detto che era meglio...
      Le spese di spedizione, comunque, sono quasi sicuro che erano minori.

      Elimina
    11. Ma il cambio col dollaro era una cosa micidiale! E ovviamente venivano spacciati per capolavori tutti i fumetti possibili. Quella volta o così o niente. Adesso ci si mette anche la dogana, però, come ho recentemente sperimentato.

      Elimina
  6. Una rosa con un altro nome sarebbe lo stesso un fiore colle spine, ma io vivo anche per cose come Microciccio Spaccavento, Zorro Bolero e Beppa Giosef.

    RispondiElimina
  7. E Rosa di Strada. So che il mio amico ed ex allievo Massimo Semerano legge il tuo blog e quindi rubo uno spazio per chiedergli quando finirà la sua storia ( otto episodi dal 2001 al 2007 per Black Velvet )...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Semerano mi piace una cifra, anzi un Dottor Cifra!

      Elimina
  8. Ha scritto , parere personale, il miglior episodio della serie di inizio secolo Lupin III Millenium. In un mondo migliore, o almeno diverso, Doc Cifra sarebbe protagonista di un mensile tascabile come Diabolik o Il Morto.

    RispondiElimina